Come gestire la fame nervosa

  1. Home
  2.  
  3. Sport - Fitness - Nutrizione
  4.  
  5. Come gestire la fame nervosa

Come gestire la fame nervosa

  1. Home
  2.  
  3. Sport - Fitness - Nutrizione
  4.  
  5. Come gestire la fame nervosa

fame nervosa

La fame nervosa, o fame emotiva, è un fenomeno complesso che coinvolge l’interazione tra le emozioni e l’alimentazione. Non si tratta solo di mangiare quando si è fisicamente affamati, ma di utilizzare il cibo come mezzo per gestire le emozioni negative o per alleviare lo stress. Per questo non si può gestire facilmente la fame nervosa, se non attraverso un percorso di consapevolezza. Quando si hanno attacchi di fame non basta dire alla persona di non mangiare, perchè non è un comportamento gestibile in autonomia. Bisogna altresì assecondare la fame con opzioni alimentari non molto caloriche e ricche di proteine e carboidrati complessi per soddisfare il bisogno di appagamento emotivo (qui trovi una gustosa ricetta dei French Toast per la tua merenda).

Per molte persone, la fame nervosa diventa un ciclo distruttivo. Quando si sperimentano emozioni negative come stress, ansia, tristezza o noia, si può sviluppare il desiderio di trovare conforto nel cibo. Questo può portare a una compulsione a mangiare anche quando non si è affamati fisicamente. Tuttavia, il sollievo temporaneo che il cibo può portare spesso viene seguito da sensi di colpa o vergogna, alimentando ulteriormente le emozioni negative e avviando il ciclo di nuovo.

Le cause della fame nervosa possono essere complesse e variano da persona a persona. Alcuni fattori comuni includono:

  1. Stress e Pressioni: Vivere sotto stress costante può portare a una maggiore propensione alla fame nervosa. Le pressioni quotidiane legate al lavoro, alle relazioni o ad altre sfide possono essere difficili da gestire senza ricorrere al cibo per conforto.
  2. Emozioni Represse: Chiunque abbia difficoltà ad affrontare le proprie emozioni può trovare nel cibo un modo per evadere temporaneamente dai problemi emotivi. Mangiare diventa una forma di auto-conforto per alleviare l’angoscia emotiva.
  3. Modelli Comportamentali Appresi: In molti casi, i modelli comportamentali legati all’alimentazione possono essere appresi dall’ambiente circostante. Ad esempio, se si cresce in una famiglia in cui il cibo viene utilizzato come mezzo per affrontare le emozioni, si può sviluppare la stessa abitudine.

Affrontare la fame emotiva richiede un approccio olistico che coinvolga la gestione delle emozioni, l’educazione alimentare e lo sviluppo di abitudini salutari. Alcuni passi che possono essere utili includono:

  • Consapevolezza Emotiva: Imparare a riconoscere le emozioni e a gestirle in modi sani, piuttosto che ricorrere al cibo per evitare o sopprimere le emozioni negative.
  • Alimentazione Consapevole: Prestare attenzione ai segnali di fame e sazietà del corpo, anziché mangiare in risposta alle emozioni.
  • Alternative alla Fame Emotiva: Sviluppare strategie alternative per affrontare lo stress e le emozioni negative, come l’esercizio fisico, la meditazione, la terapia o l’arte.
  • Supporto Sociale: Cerca il supporto di amici, familiari o professionisti della salute mentale per affrontare i problemi sottostanti che contribuiscono alla fame nervosa.

La fame nervosa può essere una sfida significativa per molte persone, ma è possibile superarla con il giusto sostegno e le giuste risorse. Riconoscere e affrontare le emozioni sottostanti, sviluppare una relazione sana con il cibo e cercare supporto possono essere passi cruciali verso una vita più equilibrata e soddisfacente.

Se ti è piaciuto questo articolo condividilo, grazie!


Diego De Carolis - Nutrizione & Performance