L’influenza dello stato di allenamento sull’ossidazione dei grassi

  1. Home
  2.  
  3. Sport - Fitness - Nutrizione
  4.  
  5. L’influenza dello stato di allenamento sull’ossidazione dei grassi

L’influenza dello stato di allenamento sull’ossidazione dei grassi

  1. Home
  2.  
  3. Sport - Fitness - Nutrizione
  4.  
  5. L’influenza dello stato di allenamento sull’ossidazione dei grassi

Il mantenimento di uno stato di allenamento elevato influisce sul potenziale di ossidazione degli acidi grassi dovuto all’aumento di trigliceridi intramuscolari, ai cambiamenti delle proteine cellulari e mitocondriali e alla regolazione ormonale. Gli adattamenti che si verificano a causa di un regolare allenamento di resistenza favoriscono la capacità di ossidare il grasso a carichi di lavoro più elevati. Bircher e Knechtle (2004) hanno dimostrato questo concetto confrontando soggetti obesi sedentari con atleti e hanno scoperto che la massima capacità di ossidazione dei grassi (MFO) era altamente correlata con la capacità respiratoria e quindi lo stato di allenamento.

L’effetto dell’allenamento e quindi un aumento della capacità respiratoria è parzialmente il risultato di un aumento della MFO. Scharhag-Rosenberger et al. (2010) hanno condotto uno studio prospettico per dimostrare questo concetto utilizzando 17 soggetti sedentari che hanno eseguito le raccomandazioni di esercizio metabolico minimo previste da ACSM per un periodo di 1 anno. Tali indicazioni consistevano in 3 sessioni a settimana di jogging o camminata della durata di 45 minuti ciascuna al 60% della riserva di FC. Il tasso di ossidazione massima del grasso è aumentato dopo 12 mesi di allenamento (pre-allenamento 0,26 ± 0,10, post-allenamento 0,33 ± 0,12 g / min) e si è verificato a intensità di esercizio più elevata (pre-allenamento 35 ± 6% VO2max; allenamento 50 ± 14% VO2max). L’effetto dello stato di allenamento sulla MFO si applica anche alle popolazioni atletiche. Inoltre, gli enzimi mitocondriali sono risultati significativamente aumentati in partecipanti altamente allenati rispetto a quelli moderatamente allenati. L’aumento di HAD aumenta direttamente la velocità di beta-ox mentre la citrato sintasi aumenta la velocità del ciclo di Krebs. Aumentare il potenziale ossidazione lipidica (FAox) aumentando la capacità di respirazione cellulare aumenta la FAox a intensità di esercizio più elevate che possono avere un’influenza positiva sulla capacità aerobica.

Infine, lo stato di allenamento influenza ulteriormente il potenziale ossidativo del grasso massimo aumentando le concentrazioni di substrato endogeno. L’allenamento di resistenza migliora le concentrazioni di trigliceridi intramuscolari (IMTG) delle fibre di tipo I fino a tre volte rispetto alle fibre di tipo II. Durante l’esercizio, il pool IMTG viene costantemente reintegrato con acidi grassi derivati ​​dal plasma durante l’esercizio. Nondimeno, la dipendenza degli IMTG durante le durate degli esercizi submassimali della durata <2 ore è essenziale per il mantenimento dei carichi di lavoro.

Se ti è piaciuto questo articolo condividilo, grazie!


Diego De Carolis - Nutrizione & Performance
× Serve aiuto?