Qualche considerazione sull’Hip thrust con bilanciere

  1. Home
  2.  
  3. Sport - Fitness - Nutrizione
  4.  
  5. Qualche considerazione sull’Hip thrust con bilanciere

Qualche considerazione sull’Hip thrust con bilanciere

  1. Home
  2.  
  3. Sport - Fitness - Nutrizione
  4.  
  5. Qualche considerazione sull’Hip thrust con bilanciere

Tramite questa chiara infografica facciamo un breve approfondimento su uno degli esercizi, a mio parere, migliori per l’allenamento dei glutei ed allo stesso tempo spesso sottovalutati in palestra.

  • L’Hip thrust con bilanciere, probabilmente, aumenta la forza in fase concentrica in misura maggiore all’incremento della forza in fase eccentrica, ciò forse è dovuto alla capacità di utilizzare un maggior carico relativo in contrazione concentrica;
  • L’Hip thrust con bilanciere produce un vettore di forza antero-posteriore, ciò aumenta la produzione di forza in direzione orizzontale (relativamente alla posizione del corpo);
  • L’Hip thrust con bilanciere permette di far lavorare contemporaneamente il grande gluteo, gli ischiocrurali, il quadricipite e il grande adduttore;
  • La resistenza offerta dall’Hip thrust con bilanciere è data dal peso, ovvero inerzia + forza do gravità. La forza di gravità è una costante ma l’inerzia è maggiore nel momento in cui il bilanciere si trova più in basso (anca flessa) e minore nel momento in cui il bilanciere si trova al culmine del movimento (anca estesa). Questo profilo di forza diminuisce la velocità di spostamento della barra in relazione ad altri tipi di esercizi e di conseguenza inficia il guadagno di forza a velocità elevate;
  • L’Hip thrust con bilanciere sviluppa una produzione di forza costante in ogni angolo articolare, paragonato ad altri esercizi ciò comporta un maggior guadagno di forza nell’estensione totale di anca;

In conclusione la forza è specifica alla modalità di contrazione muscolare, alla velocità, al punto sul continuum tra forza e resistenza, all’ampiezza dell’escursione del movimento (ROM – Range of Motion), alla stabilità, al vettore di forza, al tipo di carico esterno, ai gruppi muscolari utilizzati. L’Hip thrust con bilanciere è meno efficace di altri esercizi;

  • nell’incremento dello sviluppo della forza ad alte velocità ed in fase eccentrica,
  • nello sviluppo di forza in direzione verticale (con vettori di forza assiali, es. squat),
  • nello sviluppo di forza in condizioni di flessione di anca o a ginocchio esteso,
  • per l’ipertrofia e lo sviluppo di forza del retto femorale.

Immagine di Result Inc. Gym

Se ti è piaciuto questo articolo condividilo, grazie!


Diego De Carolis - Nutrizione & Performance